Translate

Pittule Salentine


Questo antipasto è un piacevole ricordo delle vacanze dell'anno scorso in Salento. Purtroppo non c'è prova della mia ricetta perchè onestamente non erano davvero presentabili: troppo cotte!!!
Scusate, forse avrei dovuto pubblicare lo stesso la prova ma mi vergognavo tremendamente....
Il sapore era lo stesso piacevole anche se non certo paragonabile a quelle gustate in terra d'origine.

Ingredienti

1/2 kg di farina
25 gr di lievito di birra
350 ml di acqua tiepida ( o comunque quanta necessaria per impastare)
sale
olio per friggere

Preparazione

In una ciotola con i bordi alti mescolare la farina, il sale, e il lievito aggiungere l’acqua tiepida fino ad ottenere un impasto morbidissimo. Lasciare lievitare per due ore coprendo la ciotola con un panno di lana. A questo punto bisogna agitare l’impasto sbattendolo ripetutamente nella ciotola. Preparare una padella con l’olio extra vergine di oliva e portarlo alla giusta temperatura, quindi prendere piccole quantità d’ impasto con la mano chiusa a pugno far cadere la pallina nell’ olio e lasciarla finchè diventa dorata. Questa è la pittula semplice che si può anche condire versando sopra un po’ di zucchero. Altrimenti a piacere si può aggiungere all’ impasto già lievitato del cavolfiore precedentemente lessato, olive, o delle fettine sottili di patate dolci o con un preparato composto da tre pomodori pelati sgocciolati e schiacciati, un pizzico di origano, capperi, olive, cipolla e un peperoncino piccante tagliato finemente, un pizzico di sale 

Nessun commento:

Posta un commento