Translate

Panhupf - mix pandoro e kugelhupf


Non chiamatemi pandoro o panettone...
Non ci posso fare niente, è più forte di me, il modo migliore per rilassarmi è stare con le mani in pasta. Per due anni consecutivi ho pubblicato ricette di panettoni e pandori più o meno lunghi e più o meno complicati, con lievito madre o con lievito di birra. Quest'anno volevo qualcosa di più e infatti mi sono preparata una mia versione del panettone. Ora toccava ad un pandoro che fosse un po' più semplice da preparare e che soddisfacesse anche il mio gusto...e credo di esserci riuscita.
La ricetta è la reinterpretazione di un dolce tipico natalizio dell'Alsazia a cui ho dato la forma del pandoro. Ne risulta un dolce sofficissimo, senza uvetta o canditi (ma a vostro piacere li potete aggiungere) e al delicato aroma tipico del pandoro.
La ricetta è fattibile in giornata anche se io ho preferito preparare la biga la sera prima e farla lievitare in frigorifero fino al giorno dopo.

N.B. non è necessario avere lo stampo da pandoro, potete usarne uno di carta da panettone o uno da ciambella alta, o tanti stampi da panettoncini: io ho utilizzato le lattine del latte condensato😀.

Ingredienti
per la biga
150 g di farina forza 330-350
8 g di lievito di birra
100 ml di acqua tiepida
una punta di cucchiaino di miele d'acacia
impasto
350 g di farina forza 330-350
100 g di zucchero semolato
12 g di lievito di birra
125 g di burro morbido
75 g di tuorli (4-5 tuorli, dipende dalla grandezza)
115 ml di latte tiepido
8 g di sale
mix di aromi
5 g di miele di acacia
semi di 1 bacca di vaniglia
         o 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
5 g di pasta di limone
5 g di pasta di arance
per la cottura
burro morbido


Preparazione della biga la sera dopo cena
Sciogliere nell'acqua il lievito con il miele. In una ciotola mescolare l'acqua con il lievito alla farina, fino ad ottenere un composto omogeneo, non è necessario lavorarlo con le mani, basta che gli ingredienti siano amalgamati. Lasciare il composto nella ciotola, coprirlo con pellicola trasparente e mettere il frigorifero a lievitare fino all'indomani. Il composto è pronto quando è raddoppiato e si sono formate delle bollicine.

Preparazione dell'impasto

Il giorno dopo (io verso le 9 per mia comodità), sciogliere nel latte il lievito con un cucchiaino di zucchero preso dal totale previsto in ricetta.
In una ciotolina rompere i tuorli, sbatterli leggermente e pesarne i g previsti in ricetta (i miei in totale pesavano 85 e quindi ne ho tolti 10 g).
Mettere nella ciotola della planetaria la farina, il latte con il lievito, lo zucchero e la biga. Iniziare a mescolare con inserito il gancio e in tre volte aggiungere i tuorli mescolati, non unire la dose successiva di tuorli fino a quando il precedente non è stato completamente assorbito. Finito di aggiungere i tuorli, incordare l'impasto (quando il composto si stacca dalle pareti, è liscio ed omogeneo e tirandolo non si spezza ma risulta elastico e velato, è pronto). A questo punto unire il mix aromatico e mescolare bene, mantenendo l'incordatura.
Intanto mescolare il burro con il sale.
Una volta che il mix è stato assorbito unire in 3 volte il burro (stesso procedimento dei tuorli).
Quando anche l'ultima parte del burro è stata assorbita, continuare ad impastare per incordare bene l'impasto.
Rovesciare l'impasto pronto sulla spianatoia (io utilizzo una lastra di vetro perchè lo trovo più comodo con gli impasti ricchi di burro) e fare le pieghe a tre ( QUI potete vedere come ho fatto per il panettone) per tre volte consecutive. Infine formare una palla e metterla a lievitare fino al raddoppio, nel forno con la luce accesa.
Una volta lievitato, rovesciare delicatamente il panetto sulla spianatoia, fare tre giri di pieghe poi formare un palla e metterla con la parte liscia sul fondo dello stampo, precedentemente imburrato ed leggermente infarinato, che avete scelto:
per la forma del pandoro o panettone da 750 g mettere 750 g di impasto
per la forma del pandoro o panettone da 1 kg mettere 950 g di impasto
io per la latta del latte condensato da 400 g ho messo 250 g di impasto
Fare lievitare coperto con pellicola trasparente nel forno con la luce accesa, fino a quando l'impasto non raggiunge il bordo.
Scaldare il forno a 180°C.
Togliere la pellicola trasparente e molto molto delicatamente mettere qualche fiocco di burro morbido sulla superficie del panhupf.
Infornare per 45 minuti, controllando che la superficie non si scurisca troppo (nel caso coprirla con un foglio di alluminio). Per la cottura vale la prova stecchino (va bene uno lungo da spiedino che arrivi al cuore del dolce) oppure se avete il termometro per misurare la temperatura interna dei cibi, il dolce pronto deve raggiungere i 94°C.
A cottura ultimata sfornare il dolce, lasciarlo intiepidire e poi sformarlo. Prima di servire cospargere con zucchero a velo.

Per la conservazione ( che è di 3-5 gg) io utilizzo i sacchetti alimentari per panettoni, reperibili nei supermercati, spruzzati con alcool a 95° lasciato evaporare. Un consiglio, non mettere lo zucchero a velo per conservarli ma solo quando consumate il prodotto.

2 commenti:

  1. Anna, non ti smentisci mai: sei super!!!!!!
    E io questa me la segno che devo provarla!!!!!
    Ho preparato poche volte panettoni e pandori, proprio per il lavoro che c'è dietro....ma questo devo provarlo, è meraviglioso!!!!
    Un abbraccio grande <3

    RispondiElimina