Translate

Croissant sfogliato per colazione


Non nego che prima di arrivare a questo risultato ne ho fatti di tentativi e qualcuno è andato anche alla mia Peggy ( che comunque ha gradito!) o addirittura nell'umido. Per realizzare questa meraviglia (lasciatemelo dire!!!) la strada è stata lunga e tutta in salita ma alla fine, dopo ore di attesa e lavoro ne è valsa davvero la pena. Adesso per un po' non ne voglio sapere, ci mangiamo questi e quelli che ho surgelato e quando finiranno ci penserò...
Anche questa ricetta l'ho presa da uno dei libri-manuali di Montersino "Croissant e Biscotti".
Ingredienti

per il lievitino
225 di acqua
500 gr di farina 00
70 gr di lievito di birra
per l'impasto
1 kg di farina 00
300 gr di zucchero semolato
40 gr di malto in polvere
150 gr di burro
450 gr di uova
300 gr di latte intero fresco
30 gr di sale
per le pieghe
750 gr di burro a temperatura ambiente
per rifinire
2 tuorli d'uovo con 3 cucchiai di panna

Io ho fatto metà dose giusto per prova.




Preparazione

Si parte impastando il lievitino mescolando, non troppo, la farina con l'acqua a temperatura ambiente e il lievito.

L'impasto ottenuto si lascia fermentare in un contenitore con dell'acqua a temperatura ambiente per circa 10-15 minuti o comunque fino a quando non sale a galla.

Una volta che il composto è salito a galla, toglierlo dall'acqua e metterlo nella planetaria insieme al chilo di farina, lo zucchero, il malto, le uova e il latte. Quando si raggiunge un composto liscio ed elastico si aggiungono il burro e il sale. 

Si lavora ancora l'impasto e quando risulta liscio ed omogeneo lo si mette a riposare coperto in frigorifero per 12 ore.



Trasferire l'impasto sul piano infarinato e lavorarlo fino a renderlo omogeneo.


Stendere il panetto di burro morbido.
Trascorso il tempo di riposo, riprendere l'impasto e stenderlo su un foglio di carta forno fino allo spessore di 2 cm.
Mettere al centro il panetto di burro da 750 gr e chiudere la pasta coprendo il burro, come fosse un pacchetto regalo.



Stendere di nuovo e piegare il rettangolo in tre ( immaginate la sfoglia divisa in tre per la larghezza e piegate il lembo della parte sotto su quello centrale e sopra a questi due il lembo della parte sopra, ottenendo un rettangolo).


Mettere a riposare per 30 minuti in frigorifero; riprendere il rettangolo e piegate di nuovo in tre e fate riposare altri 30 minuti sempre in frigorifero. A questo punto procedere con un'altra piega del rettangolo in tre, per l'ultima volta. 



Ponete di nuovo in frigorifero fino a completo raffreddamento del panetto.



Ora stendere con il mattarello il panetto fino ad uno spessore di 3 mm circa, cercando sempre di mantenere la forma rettangolare. Dalla sfoglia ottenuta ricavate tanti triangoli.



Iniziate ad allungare l'impasto prendendo il triangolo dalla parte larga, appoggiandolo sulla spianatoia e tirandolo leggermente per allungarlo;



iniziate ad arrotolare senza però schiacciare troppo l'impasto. Montersino in una puntata di Accademia faceva proprio vedere che tenendo la base del triangolo in mano, riusciva ad allungare l'impasto quasi del doppio e a ottenere così un croissant arrotolato di parecchi giri.



N.B. A questo punto potete decider se congelarne una parte che poi scongelerete lasciandoli 12 ore in frigo oppure qualche ora a temperatura ambiente prima di spennellarli e infornarli...
Appoggiare i croissant su una teglia leggermente unta o rivestita con carta forno e metteteli a lievitare in ambiente tiepido (circa 30°, io ho utilizzato il forno visto che il mio ha il programma lievitazione, ma va benissimo anche al caldo coperti) per circa 2 ore.
Spennellare la superficie con tuorlo d'uovo mescolato con la panna.



Preriscaldare il forno a 180° e infornate poi per circa 15 minuti, fino a doratura.
Purtroppo io li ho lasciati troppo e si sono scuriti e un po' seccati, ma sono buoni lo stesso.
Lasciateli raffreddare completamente e a piacere li potete anche farcire con della confettura, della crema alla nocciola o crema alla vaniglia.


Con la seconda infornata, con i croissant congelati e scongelati successivamente, sono venuti molto meglio...


4 commenti:

  1. Sai che ho anche io in programma un post su questi croissant ? Sono spettacolari! A parte in famiglia che se li divorano ancora caldi appena sfornati, devo dire che sono piaciuti proprio a tutti. Ho trovato anche il modo per intiepidirli nel microonde ...a metà potenza e per 1 min ...non si é nemmeno guastata la sfoglia....complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina, IP per evitare che liangimo subito e godermi la vista, li preparo quando sono sola ahahah.
      A presto

      Elimina
  2. Ottimo Anna, mi copio subito il post e li provo a fare! Intanto ti cito nel blog! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, quando li hai fatti fammi sapere. Io purtroppo ne ho assaggiato solo 1....
      Ciao a presto:)

      Elimina